Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Il tennis non è il tema di questo post.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da CorriCorrado il Mer 16 Nov 2011 - 14:38

Il fatto che stia scrivendo questo ad un mese dal Natale è un più che altro un caso.

Ciò che sto per scrivere è una storia che vivo indirettamente sulla mia pelle da un mese a questa parte.

Tre settimane fa sono entrato in un ospedale per visitare il figlioletto di una coppia di amici, operato d’urgenza per un tumore alla testa; il bimbo ha poco più di tre anni, e una gran voglia di farci divertire. Appena mi sono presentato sulla porta della sua stanza, il piccolo mi ha chiesto una cosa: ‘Hai una sorpresina?’ Di sorpresine ne avevo quattro o cinque; alla terza ho iniziato a realizzare che avrei potuto dargliene cinquanta, e non sarebbero bastate. Ho avuto l’impressione che chiedesse qualcos’altro.

La struttura dove si trova il piccolo, vista da fuori e vissuta da dentro, è un girone dell’Inferno; arrivati, io e mia moglie non avevamo la più pallida idea di dove fossimo entrati. Un labirinto, con ascensori vecchi e corridoi lunghissimi. Non sapevamo dove andare, a chi chiedere; abbiamo imboccato una prima scala, e poi un ascensore scassatissimo. Siamo passati per un corridoio con scritto: ‘Scuola’. E io ho pensato; ‘ma dovrei essere all’Ospedale’.



Siamo arrivati infine in un reparto dove la maggioranza dei bambini hanno tutti la stessa acconciatura: non hanno capelli.



La struttura però è solo un contenitore; c’è qualcosa d’altro che deve rendere questo ambiente migliore: chi ha visto o conosce Patch Adams sa a cosa mi riferisco. Un sorriso, ma soprattutto l’attenzione, è la cosa che conta di più. Laddove non arriva il personale stipendiato, spesso arrivano associazioni che non hanno nessuno scopo di lucro, se non quello di approfittare dell’effetto terapeutico che un sorriso, o il semplice svago, può avere sulla malattia di qualsiasi persona, sia essa giovane o anziana.



Ognuno di noi può fare qualcosa, secondo le sue modalità.

Nel mio banner riporto da oggi due associazioni, ma non sono le sole.

E siccome di tennis parliamo e viviamo tutti i giorni, perchè non pensare a tornei amatoriali, il cui unico scopo è solo quello di sostenere chi fa?

Grazie per l'attenzione.

CorriCorrado
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 982
Età : 39
Località : Piacenza
Data d'iscrizione : 29.04.11

Profilo giocatore
Località: Piacenza
Livello: ITR 3.0
Racchetta: Slazenger xPRO 323

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da alain proust il Mer 16 Nov 2011 - 15:07

Quello che hai scritto, corri, stringe il cuore. pensare ad un bimbo di 3 anni in ospedale per una malattia così terribile (che spero, nel suo caso, e lo vorrei per tutti, curabile) fa davvero male. ho un figlio di neanche 4 anni, e pensarlo già in ospedale e sotto i ferri per una cosa del genere mi fa sentire male. posso solo lontanamente immaginare l'angoscia dei tuoi amici.
credo che qualche torneo qui e là per raccogliere fondi sia una bella proposta.
bravo corri, di principio e in generale si può provare ad accennarlo ai dirigenti dei nostri club, per AIRC o per qualunque altra associazione meritoria.

alain proust
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1429
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: 4.0
Racchetta: PRINCE EXO3 TOUR 16x18

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da alba77 il Mer 16 Nov 2011 - 16:18

Sono quelle storie - a migliaia - che passano e se ne vanno, e noi nemmeno lo spaiiamo... poi ci capita di scontrarci anche se indirettamente e ci mettiamo su a riflettere....
Grazie della tua testimonianza Corrado!!!

Io e mio marito qualcosina di beneficenza facciamo nel nostro piccolo.
Tendenzialmente doniamo a fine anno un pochino di più con la carta di credito, visto che c'è anche la 13a, qualche sms durante l'anno, le uova di pasqua della AIRC o in casi di emergenze come Haiti anche qualcosina durante l'anno.

Purtroppo è molto, ma molto difficile distinguere l'associazione seria da quella che ha lo scopo di lucrarti sotto falsa maschera.
Ebbene noi donavamo per un'associazione che ci aveva inviato per posta materiale informativo e la richiesta. Dopo la prima donazione cominciarono ad arrivare piccoli gadget come braccialetto con i santini, rosario, cartoline di Natale ecc eccc.... La cosa mi sembrava troppo marketing e raccolta fondi... ma ripensandoci mi ero detta , se lo fanno in buona fede comunque attirano più fondi... Però sotto sotto io qualche dubbio ce l'avevo sulla loro serietà.
Un giorno prima di distribuire le donazioni a fine anno nel 2010 io ho fatt odelle ricerche su quella onlus e i dati conducevano a una 2a onlus con gli stessi intestatari e indirizzo. Insomma, la cosa puzzava e non poco.
Siamo stati a rifletere per giorni come fare per dare un aiuto CONCRETO...

Alla fine abbiamo date per serie le seguenti Onlus:

  • - Associazione Rava - aiuta da sempre i bambini di Haiti


  • - Save the Children - ha come testimonial Giobbe Covatta, che so che spesso va di persona a interessarsi su dei progetti di beneficenza.
    Loro hanno una bellissima iniziativa di spedire delle cartoline cartacee a nome di chi desideriamo noi, così per Natale abbiamo ridotto lo scambio di regali con il classico panettone, maglia portafoglio o ogetto che sia (regali che spesso vengono anche riciclati) e ci siamo scambiati azioni di beneficenza e io ho optato per qusto scambio di cartoline.


  • - La AIRC come scritto, la sosteniamo con le uova di Pasqua (ne prendiamo 2-3) e qualche sms


  • - La fondazione di Federer - scoperta solo l'anno scorso - ci ha ha ispirato fisucia non solo per l'impegno, la sensibilità e la buona fede di RF, ma anche per la GESTIONE che è prevalentemente familiare e inoltre situata in un paese serio come la Svizzera e abbiamo escluso eventuali magna magna di nascosto...(come io potrei sospettare in un paese con minor reputazione a insaputa e raggiro del portatore del nome della onlus)

  • - L'8x1000 lo destiniamo alla LIPU del Molise - ho conosciuto le persone che gestiscono la struttura con tanta passione e senza fondi.
    3 estati fa trovai un piccolissimo rondone caaduto dal nido che ho portato a casa e dalla LIPU ho avuto tantissima assistenza su come allevarlo nel migliore dei modi, visto che in zona non potevo ocnsegnarl oa nessuno. A un certo punto non accetava più cibo e io non ero così pratica a darglielo con la forza come avrebbero saputo fare alla LIPU e ci siamo trovati costretti a portarlo nel Molise dove l'hanno salvato e un giorno è volato via Così ho potuto apprezzare il loro impegno e amore con cui si dedicano ai volattili e hanno uno stupendi molto più basso del minimo salariale ma la coscienza non permette loro di abbandonare


Insomma - cerchiamo di distribuire i fondi e dare un pochino a tutti e se da una parte i fondi vengono gestiti male speeriamo che dall'altra parte arrivino a destinazione...

Vi invito di postare qui altri nomi di onlus che ritenete serie - non solo perché viste in TV, ma per esperienza diretta o la certezza sulla concretezza dei loro progetti e la serietà della gestione del passaggio dei fondi dal donatore al beneficiario.

Corrado - io la Fondazione ABIO nno la conosco. Come ce la presenti? E' quella nello specifico che hai visto all'opera in quell'ospedale?


PS. Inoltre vi invito a scrivere eventuali dubbi o perplessità sulle onlus da me elencate se ne siete a conoscenza Smile Non si può mai sapere.

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Età : 39
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da CorriCorrado il Mer 16 Nov 2011 - 16:37

La ABIO è una associazione storica presente in molti ospedali italiani. Io ho sentito parlare dalla madre del bimbo di cui ho parlato di quello che la ABIO fa nella struttura di Pavia, ospedale dove appunto si trova il bimbo.

La campagna '30 ore per la Vita' è fatta da/per loro.

Cosa fa ABIO? Tante cose, dall'organizzazione e il sostegno, al gioco, alla scuola. E' oggi una struttura molto grande, ma anche una presenza importante nelle realtà ospedaliere italiane.

CorriCorrado
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 982
Età : 39
Località : Piacenza
Data d'iscrizione : 29.04.11

Profilo giocatore
Località: Piacenza
Livello: ITR 3.0
Racchetta: Slazenger xPRO 323

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da alba77 il Mer 16 Nov 2011 - 17:29

Grazie Corrado!
L'aggiungo nel mio elenco di possibili donazioni Smile

Per sottolineare l'importanza della beneficenza anche di un solo euro vi allego questa bellissima storia:

Il grande Mahatma Gandhi una volta raccontò questa storia a suo nipote:

Un giorno sulla spiaggia, prima dell'alba, un uomo raccoglieva e rigettava in acqua delle stelle marine portate dal mare sul bagnasciuga. Egli sapeva che con il sorgere del sole, questo avrebbe asciugato le stelle marine, uccidendole.

Un giovane, avvicinandosi all'uomo, gli chiese: "Cosa stai facendo?".

"Sto tentando di salvare queste stelle marine" rispose l'uomo.

La spiaggia ne era interamente ricoperta, troppe per poterle salvare da solo.

Il giovane, con tono esasperato, disse: "Non c'è alcuna possibilità che tu possa salvarle tutte, è senza speranza, sicuramente te ne rendi conto". Ma l'uomo, prendendone un'altra e rigettandola in mare, rispose con voce calma: "Questo forse è vero, ma anche per quest'altra stella marina è una grande differenza"

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Età : 39
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da Ospite il Mer 16 Nov 2011 - 17:45

Caro Corrado
conosco la storia che hai citato aprendo il tuo 3D ... perche' mi hai dato la possibilita' di far parte di questo scorcio della tua vita alcune settimane fa, e mi ha fatto piacere condividere nel tempo pensieri ed emozioni...per cui ti ringrazio molto , a nome di tutti i bambini in ospedale, per la tua sensibilita' e generosita' d' animo.




Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da F4bius il Mer 16 Nov 2011 - 18:35

Ringrazio anche io Corrado per aver posto attenzione ad una realtà davvero triste.
Non oso pensare il dolore che provano i genitori che, sono sicuro, vorrebbero essere al posto del figlio, piuttosto che vederlo soffrire.

L'anno scorso hanno operato mio figlio per un'ernietta, una cosa da poco, sono però lo stesso stato in apprensione, pregavo che tutto andasse bene.

E così è stato, grazie a Dio.

Day hospital, la notte la ha trascorsa in una camera assieme ad un altro bimbo, la cui mamma, diceva che vedeva cambiare i compagni di stanza praticamente ogni giorno....era ricoverato da 3 mesi.

Mi sono sentito egoista, mi sono vergognato di aver avuto timore per una cosuccia da nulla quando altre persone soffrono davvero...

personcine innocenti....

riflettiamo su queste cose.

un abbraccio!

Fabio

F4bius
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3191
Età : 52
Data d'iscrizione : 11.07.09

Profilo giocatore
Località: Modena
Livello: ITR 2.5 FIT 4 NC
Racchetta: Pro Kennex ki5 295 e Ki5 PSE USA

http://www.miotorneo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da Ospite il Mer 16 Nov 2011 - 18:46

F4

bello il tuo flash-back: ...ricordo come fosse ieri quei (vostri)giorni...e le tue paure, anche in quel caso condivise... Wink

Associazioni di volontariato come quelle citate da Corrado sono giornalmente in prima linea ad affiancare medici, infermieri/e e sopratutto i genitori per rendere meno onerosi certi "percorsi".

E' a loro che va un grazie e il plauso di tutti noi.

cheers

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da ace59 il Gio 17 Nov 2011 - 16:10

leggi qua e la di tennis, di corde di tattica e poi.......

leggere un post come il tuo caro corrado è un salutare pugno sullo stomaco per tutti

ognuno di noi , credo, fa quello che può con le varie associazioni, alcune già citate da alba77, per conto mio è da qualche anno che sostengo proprio l'AIBO e Unicief

in aggiunta potremo organizare qualcosa come Passione Forum ( raccolta, colletta o torneo ecc) nello specifico per i bambini di quell'ospedale in modo da poter intervenire direttamente

se ti viene in mente qualcosa io sono con te

ace59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3377
Età : 57
Data d'iscrizione : 29.06.11

Profilo giocatore
Località: treviso
Livello: fit 4.2
Racchetta: 1 PT57A pj MP , 1 PT57E pj MP l , 2 prestige MP , 1 PK Ki5 315

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis non è il tema di questo post.

Messaggio Da Konrad63 il Gio 17 Nov 2011 - 17:03

bella testimonianza e lodevole iniziativa, Corrado!!

oltre l'AIRC che conosco e sostengo da tempo, vorrei aggiungere anche la segnalazione di "Medici senza frontiere" che da anni operano in termini di sostegno e azioni umanitarie con la loro opera, persone disagiate da conflitti, carestie ed altro, in tutto il globo

lascio il link in caso possa essere di interesse http://www.medicisenzafrontiere.it/


Konrad63
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1730
Data d'iscrizione : 13.05.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: T-Flash

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum