Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

molti dubbi sul dritto moderno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da kauss il Lun 11 Lug 2011 - 10:11

Questa estate mi sono dato ad un concentrato di scuola tennis, essendo questo il mio unico passatempo mentre scrivo la tesi.
Faccio lezioni in una scuola dove mi seguono 2 maestri e prendo lezioni private da un 3° maestro.

Avendo 3 persone che mi seguono ho il vantaggio di poter sentire più punti di vista sui miei errori ed ognuno mi corregge qualcosa che magari un altro non nota.
Ma allo stesso tempo questo mi crea confuzione perchè non sempre mi insegnano la stessa cosa, come ad esempio il dritto moderno.

Premetto che ho fatto scuola tennis da piccolo dove avevo un dritto con inpugnatura continental un pò spostata verso la easter di dritto, e mi sono iscritto con l'obiettivo principale di passare a strong eastern / semi western e giocare di rotazioni.

Allora... leggendo in rete mi ero fatto un'idea di dritto moderno del tipo:
- open stance (o semi open)
- non più spinta da dietro in avanti ma rotazione busto con anticipo d'anca
- impugnatura semi western

Invece questo è ciò che mi dicono i maestri:
- stance: uno mi dice di giocare sempre neutral stance e solo quando non posso di rimanere open, un'altro mi vieta categoricamente la open e mi permette al massimo di variare tra neutra e semi open, l'altro ancora insiste sempre sul cercare la neutral... insomma tutti e 3 d'accordo sull'insistere sulla neutral... ma non dovrebbero incentivarmi a spostarmi almeno sulla semi open?

- cinematica: tutti e 3 sono d'accordo nel gestire sempre la spinta del corpo in senso rettilineo, da dietro in avanti e non con la rotazione del busto come credevo si facesso con il dirtto moderno. E questo ci può anche stare in neutral stance ma addirittura mi dicono di farlo anche in open stance... al che la domanda: "ma se stò open e i piedi sono allineati, il peso come lo porto in avanti?" e loro "quando colpisci poi ricardi con il piede destro che avanza", un'altro invece "con il piede sinistro", l'altro forzandomi la neutral non mi risponde nemmeno. Io invece credevo che la spinta in avanti venisse del tutto sostituita dalla rotazione del busto/spalle anticipata dalla rotazione dell'anca.

- impugnatura: 2 su 3 mi consigliano di rimanere sulla eastern perchè "anche federer gioca eastern" mi dicono, l'altro mi incoraggia a passare alla semi western, cosa che vorrei fare.

Insomma mi rivolgo a voi... che ne pensate di tutto ciò? Ma soprattutto... dovrei secondo voi insistere sulla dritto in open/semiopen con rotazione busto eliminando la spinta rettilinea in avanti, il tutto in semiwestern? O un dritto può considerarsi moderno anche in neutral con la spinta in avanti?

Vi anticipo che il mio livello è abbastanza basso quindi non avrebbe senso rimanere al dritto classico "perchè lo so gia fare".

Grazie anticipatamente.

kauss
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 29
Data d'iscrizione : 20.06.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da alain proust il Lun 11 Lug 2011 - 10:46

@kauss ha scritto:Questa estate mi sono dato ad un concentrato di scuola tennis, essendo questo il mio unico passatempo mentre scrivo la tesi.
Faccio lezioni in una scuola dove mi seguono 2 maestri e prendo lezioni private da un 3° maestro.

Avendo 3 persone che mi seguono ho il vantaggio di poter sentire più punti di vista sui miei errori ed ognuno mi corregge qualcosa che magari un altro non nota.
Ma allo stesso tempo questo mi crea confuzione perchè non sempre mi insegnano la stessa cosa, come ad esempio il dritto moderno.

Premetto che ho fatto scuola tennis da piccolo dove avevo un dritto con inpugnatura continental un pò spostata verso la easter di dritto, e mi sono iscritto con l'obiettivo principale di passare a strong eastern / semi western e giocare di rotazioni.

Allora... leggendo in rete mi ero fatto un'idea di dritto moderno del tipo:
- open stance (o semi open)
- non più spinta da dietro in avanti ma rotazione busto con anticipo d'anca
- impugnatura semi western

Invece questo è ciò che mi dicono i maestri:
- stance: uno mi dice di giocare sempre neutral stance e solo quando non posso di rimanere open, un'altro mi vieta categoricamente la open e mi permette al massimo di variare tra neutra e semi open, l'altro ancora insiste sempre sul cercare la neutral... insomma tutti e 3 d'accordo sull'insistere sulla neutral... ma non dovrebbero incentivarmi a spostarmi almeno sulla semi open?

- cinematica: tutti e 3 sono d'accordo nel gestire sempre la spinta del corpo in senso rettilineo, da dietro in avanti e non con la rotazione del busto come credevo si facesso con il dirtto moderno. E questo ci può anche stare in neutral stance ma addirittura mi dicono di farlo anche in open stance... al che la domanda: "ma se stò open e i piedi sono allineati, il peso come lo porto in avanti?" e loro "quando colpisci poi ricardi con il piede destro che avanza", un'altro invece "con il piede sinistro", l'altro forzandomi la neutral non mi risponde nemmeno. Io invece credevo che la spinta in avanti venisse del tutto sostituita dalla rotazione del busto/spalle anticipata dalla rotazione dell'anca.

- impugnatura: 2 su 3 mi consigliano di rimanere sulla eastern perchè "anche federer gioca eastern" mi dicono, l'altro mi incoraggia a passare alla semi western, cosa che vorrei fare.

Insomma mi rivolgo a voi... che ne pensate di tutto ciò? Ma soprattutto... dovrei secondo voi insistere sulla dritto in open/semiopen con rotazione busto eliminando la spinta rettilinea in avanti, il tutto in semiwestern? O un dritto può considerarsi moderno anche in neutral con la spinta in avanti?

Vi anticipo che il mio livello è abbastanza basso quindi non avrebbe senso rimanere al dritto classico "perchè lo so gia fare".

Grazie anticipatamente.
ti do il mio parere, per quanto non sia un maestro.
intanto, non bisogna per forza giocare sempre e solo in open, a seconda delle situazioni puoi trovarti a giocare in neutral (stance classica, se devi seguire il colpo a rete ad esempio), se hai poco tempo e ti arriva la cannonata devi fare il dritto in open.
poi la open è piàù faticosa perchè obbliga a caricare molto gamba destra e busto.
che con la open, dopo che hai colpito ricadi sul destro, mi sembra un errore grossolano. carichi il destro, dai lo schiaffo scaricando il peso della destra, semmai ricadi sulla sinistra.
e comunque come fai a spostare il peso in avanti con open, la open sfrutta il caricamente gambe e la rotazione busto.
sulla semiwwestern, secondo me nel gioco attuale moderno , anche con stance classica, è un must. e che federer giochi con eastern ne è già nata una discussione infinita. per me gioca anche lui in semiw, o al più una via di mezzo. in ogni caso, il fatto che lui usi un'impignatura, non significa che bisogna usare quella.

alain proust
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1429
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: 4.0
Racchetta: PRINCE EXO3 TOUR 16x18

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da eddie95 il Dom 28 Ago 2011 - 14:53

questa non è una semi western però http://files.gazzaspace.gazzetta.it/4d396e32c4cd8d2d53cb31bd5c3291df_medium.jpg

eddie95
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 384
Età : 21
Località : Sardegna
Data d'iscrizione : 13.08.11

Profilo giocatore
Località: provincia di Cagliari
Livello:
Racchetta: wilson K six one tour, Head prestige mid youtek, aeropro drive gt

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da eron82 il Dom 28 Ago 2011 - 18:31

Sei ancora troppo principiante per giocare in open e western....sempre che una volta appreso come si colpisce in closed e eastern tu abbia ancora voglia di cambiare...

eron82
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 142
Data d'iscrizione : 28.05.11

Profilo giocatore
Località: Barletta
Livello: ITR 4.5
Racchetta: Wilson kFactor 6.1 Tour 90

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da eron82 il Dom 28 Ago 2011 - 18:34

Eddie, rinuncia....in questo forum non lo capiranno mai che Federer usa una eastern.

eron82
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 142
Data d'iscrizione : 28.05.11

Profilo giocatore
Località: Barletta
Livello: ITR 4.5
Racchetta: Wilson kFactor 6.1 Tour 90

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da magazzie il Mar 30 Ago 2011 - 14:15

Gioca con l'impugnatura con la quale ti senti più sicuro, variandola in base al colpo che devi fare. Il resto......sono solo parole:P

magazzie
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3257
Età : 40
Località : la capitale del monferrato....
Data d'iscrizione : 25.06.09

Profilo giocatore
Località:
Livello: I.T.R 4.5
Racchetta: speed mp 16x19+STARBURN

http://www.eiffel59ts.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da Andras il Mar 30 Ago 2011 - 14:55

Dico umilmente la mia: un colpo fondamentale come il dritto sono persuaso necessiti la massima confidenza possibile a prescindere da "scuole di pensiero" (dritto moderno/dritto antico) ed altro.

Durante la mia prima vita tennistica 1984-1993 forse per immaturità forse per guide tecniche scarse (della serie, NC che una volta finito di crescere prendevo a pallate e dire che se passavo 3 turni in un torneo FIT c'era di che festeggiare........) non ne avevo un'idea sul dritto, pertanto mi limitavo a non sbagliarlo (se ci riuscivo) e buonanotte.

Rimessomi in campo quest'estate il mio allenatore (attualmente un 3.2 ma un paio di volte finalista ai regionali, quindi decisamente meglio di quegli scalzacani che mi sgrossarono in tenera età) mi ha fatto un mazzo così "distruggendo" quel che restava del mio dritto "sbagliato" per ricostruirlo da zero.

Ne è valsa la pena, alla mia veneanda età ho finalmente un dritto che non solo è potente ma (cosa almeno altrettanto importante) sta in campo e so il perchè (meglio tardi che mai!). Di fronte a tutto questo francamente poco mi importa del fatto che, ad occhio e croce, mi abbia impostato in modo classico (si insomma vecchia maniera) ossia coi piedi ben piantati per terra, paralleli tra loro ma soprattutto paralleli alla rete, polso "aperto", finale con la racchetta che colpisce la parte alta superiore sinistra della mia schiena (col piatto corde parallelo al dorsale........).

Unica divagazione sul tema quando arrivo lateralmente in movimento sulla palla col piede destro più vicino ad essa rispetto al sinistro ma anche lì tutto il resto viene rigorosamente rispettato a tutto vantaggio dell'esecuzione.

Per concludere: a mio parere non esistono dogmi in sè quanto piuttosto dogmi personali, nel senso che quel che funziona per me non significa nulla per chi di dritto colpisce frontalmente felice e contento (chessò, magari facendo pure un bel salto all'indietro durante l'esecuzione, olè!) e magari picchia pure più forte e preciso di me!

Andras
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 872
Età : 45
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: Ferrara
Livello: mi son ritirato che ero appena diventato 4.3
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da Konrad63 il Mar 30 Ago 2011 - 19:05

@Andras ha scritto:Per concludere: a mio parere non esistono dogmi in sè quanto piuttosto dogmi personali
sono d'accordo, il giusto o sbagliato è funzione dell'efficacia del colpo eseguito

Konrad63
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1730
Data d'iscrizione : 13.05.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: T-Flash

Tornare in alto Andare in basso

Re: molti dubbi sul dritto moderno

Messaggio Da Andras il Gio 1 Set 2011 - 13:01

@Konrad63 ha scritto:
@Andras ha scritto:Per concludere: a mio parere non esistono dogmi in sè quanto piuttosto dogmi personali
sono d'accordo, il giusto o sbagliato è funzione dell'efficacia del colpo eseguito



assolutamente sì, il tennis è quanto di più brutalmente realista ci sia

conta solo il risultato ed arrivarci (ai risultati) attraverso una tecnica corretta è una delle imprese più difficili che ci siano per degli sportivi non professionisti

durante la mia prima carriera tennistica visti gli "eccelsi" risultati (2/3 turni max passati nei tornei FIT) spesso pensavo a quanto fosse "ingiusto" che magari quelli non impostati tecnicamente in modo classico passavano mediamente un turno in più di me

a 40 anni non penso più in termini di giusto/ingiusto quanto piuttosto di scelte delle quali assumersi la responsabilità: se mi son messo sotto con un allenatore individuale per farmi il mazzo sulla tecnica è perchè son convinto sia la strada più lunga ma anche quella potenzialmente migliore per me

ma nessuno mi ci ha costretto, ovviamente!

Andras
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 872
Età : 45
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: Ferrara
Livello: mi son ritirato che ero appena diventato 4.3
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum